Il romanzo di Matilda

Il primo romanzo storico che ripercorre la vita della Grancontessa Matilde di Canossa.

La vita, i lutti, gli amori, le lotte, la caduta, il riscatto, le violenze e le passioni della Grancontessa Matilde di Canossa, un romanzo storico che ricostruisce gli eventi fondamentali della sua vita attraverso l’infanzia, la giovinezza, la maturità e la vecchiaia, cercando di restituire tutta la potenza al personaggio a 900 anni dalla sua scomparsa. In uscita a luglio 2015.

mercoledì 16 settembre 2020

Matilda nei libri di oggi a Castelnovo ne’ Monti

Giovedì 17 settembre si terrà alle ore 21.00 nella sala dell’Istituto Merulo di Castelnuovo né Monti, l’incontro “Matilde ,prima femminista della storia? Come viene raccontata nei libri di oggi la Grancontessa. La conferenza ha come relatore il dott.Mario Bernabei ,responsabile del centro turistico “Andare a Canossa”. Il tema ha una natura di provocazione e tiene conto di una letteratura contemporanea del mito e del personaggio di Matilde che ha via via assunto nel corso dei secoli, diverse qualificazioni fino ad essere definita dal più grande storico del feudalesimo Jacques le Goff: antesignana del femminismo contemporaneo. Da questa sorprendente e rivoluzionaria definizione sono usciti una pluralità di volumi e di ricerche storiografiche  quanto mai puntuali sulla personalità della grancontessa, non più soltanto “beghina” all’interno della Chiesa ufficiale, ma esponente del genere femminile quanto mai evoluta e moderna. Il dott.Mario Bernabei da quarant’anni studia e si occupa delle tematiche matildiche. E’ autore di alcuni testi importanti sul castello di Canossa e sui territori matildici che hanno avuto una vasta eco anche in Germania in occasione della grande mostra di Paderborn. Ha realizzato il centro turistico Andare a Canossa che comprende una libreria specializzata sul medioevo e Matilde, un’aula didattica con la proiezione di un video e una mostra permanente con l’immagine di Matilde ,una caffetteria, infopoint per turisti, luogo di sosta e di ristoro con prodotti tipici del territorio. Ricopre la carica di vicepresedente dell’Associazione Matildica internazionale fondata dal massimo storico matildico il professor Paolo Golinelli. L’evento, si inserisce nel calendario”Sulle tracce del convegno di Carpineti, nell’anno del Signore 1092”allestito dal gruppo folkoristico il Melograno

La conferenza sarà visibile in diretta fbk su radionova e redacon



 

Per info e prenotazioni M.grazia 3392313875; Rita 3332319133  

martedì 21 luglio 2020

Iniziative per l'anniversario della morte di Matilde - luglio 2020

Di seguito, le locandine delle iniziative organizzate 
per celebrare i 905 anni dalla morte di Matilde di Canossa.





venerdì 22 maggio 2020

Recensione di Arianna Destito per TheMeltingPop.com

Una narrazione che segue un preciso percorso frutto di un duro lavoro che ha impegnato Elisa Guidelli, per dieci anni, tra manuali e libri di storia. Ne esce la figura storica di una donna carismatica e determinata, che non si piega alle logiche e alle regole maschili, che, anzi, combatte con tutti gli strumenti a sua disposizione. Primo tra tutti l’intelligenza e il coraggio. Anche quando sembra soccombere, trova sempre la forza. [di Arianna Destito]

venerdì 22 novembre 2019

Le vigne di Matilde

Cantina Albinea Canali, Reggio Emilia
23 novembre – 24 dicembre 2019
LE VIGNE DI MATILDE
Quattordici artisti interpretano il territorio
A cura di Luigi Borettini
In collaborazione con Enzo Fontanesi

Inaugurazione: sabato 23 novembre, ore 17.00

Esposizione collettiva con opere di
Marco Arduini, Mirco Ambrogini, Brenno Benatti, Primo Canepari, Gianni Carino, Pietro Cinti, Gino Fontanesi, Silvano Fontanesi, Giuliano Giuliani, Carlo Maestri, Andrea Magni, Patrick Pioppi, Oscar Piovosi, Romano Salami
Nelle terre che appartennero un tempo alla Grancontessa Matilde di Canossa, quattordici artisti reggiani interpretano il territorio attraverso una cospicua selezione di dipinti, fotografie e vignette raccolte nella mostra “Le vigne di Matilde”, in programma dal 23 novembre al 24 dicembre 2019 presso la Cantina Albinea Canali (Via Tassoni 213, Reggio Emilia).

L’esposizione, allestita nella Sala dei Cavalieri e nel Salone delle Capriate, presenta una quarantina di opere degli artisti Marco Arduini, Mirco Ambrogini, Brenno Benatti, Primo Canepari, Gianni Carino, Pietro Cinti, Gino Fontanesi, Silvano Fontanesi, Giuliano Giuliani, Carlo Maestri, Andrea Magni, Patrick Pioppi, Oscar Piovosi e Romano Salami.
Realizzata con il patrocinio del Comune di Albinea (RE), la mostra sarà inaugurata sabato 23 novembre alle ore 17.00. Saranno presenti, oltre agli autori invitati, Stefano Colli (Event Manager Cantina Albinea Canali), Luigi Borettini (curatore), Enzo Fontanesi (coordinatore) e i rappresentanti delle Istituzioni.

«Gli artisti selezionati – spiega Luigi Borettini – celebrano il loro territorio, le genti, i prodotti della terra, gli usi e le consuetudini. Con diverse sfumature, hanno saputo reinterpretare importanti tradizioni, dall’aceto balsamico tradizionale (citato da Donizone di Canossa) al Parmigiano Reggiano, con particolare attenzione alla produzione vitivinicola e alla cultura enologica. La pittura, la fotografia e il disegno ci trasmettono sensazioni, emozioni, sentimenti, che esaltano la nostra capacità di osservare, di entrare nell’opera stessa, di condividerla con altri, guidati da suggestioni sensoriali, a volte anche olfattive. Sta a noi cogliere i pensieri, i suggerimenti dell’autore: l’opera è lì, dinanzi a noi, pronta per condurci in una nuova realtà, in un nuovo mondo. La pittura, come tutte le arti, con tutte le sue sfaccettature, è eterna, al contrario dell’essere umano. Dobbiamo dunque ringraziare questi poeti del pennello che ci aiutano ad elevare la nostra anima verso una dimensione superiore, dove tutto trova un significato e ogni azione compiuta è come una semplice nota che compone una infinita melodia, parte integrante del nostro grande universo».

Cantina Albinea Canali
Via A. Tassoni, 213 | 42123 Reggio Emilia | Tel. 0522 0522 569505| canali@riunite.it | scolli@riunite.it | www.albineacanali.it

La collettiva sarà visitabile fino al 24 dicembre 2019, da martedì a sabato ore 8.30-12.00 e 15.00-18.30. Ingresso libero. Per informazioni e prenotazioni: tel. 0522 569505, canali@riunite.it, scolli@riunite.it. Nel periodo espositivo si terranno diversi incontri e spettacoli.

Il programma completo sarà visibile sulla pagina Facebook della Cantina Albinea Canali: www.facebook/albineacanali.

Situata sulla principale strada di collegamento tra Reggio Emilia ed Albinea, la Cantina Albinea Canali nasce nel 1936 riunendo diversi vignaioli del Lambrusco e dell’Ancellotta e arrivando a contare, negli anni successivi, centosettanta conferenti. La Cantina Albinea Canali raccoglie le uve di un ristretto bacino, in una delle aree di maggior pregio, sotto il profilo dei suoli e del clima, dell’intera provincia reggiana. Dopo un accurato intervento di restauro conservativo, la sede affianca oggi alla produzione di vini di qualità anche una vasta gamma di servizi al pubblico, tra cui l’enoteca, la sala degustazione ed il Centro Convegni Albinea Canali, con sette ambienti, dotati di moderni impianti tecnologici, ideali per ospitare meeting e grandi eventi.

LE VIGNE DI MATILDE
Quattordici artisti interpretano il territorio
Marco Arduini, Mirco Ambrogini, Brenno Benatti, Primo Canepari, Gianni Carino, Pietro Cinti, Gino Fontanesi, Silvano Fontanesi, Giuliano Giuliani, Carlo Maestri, Andrea Magni, Patrick Pioppi, Oscar Piovosi, Romano Salami
A cura di Luigi Borettini
In collaborazione con Enzo Fontanesi
23 novembre – 24 dicembre 2019
Inaugurazione: sabato 23 novembre 2019, ore 17.00
Orari di apertura: da martedì a sabato ore 8.30-12.00 e 15.00-18.30
Per informazioni:
Cantina Albinea Canali
Via A. Tassoni, 213
42123 Reggio Emilia
Tel. 0522 569505
canali@riunite.it, scolli@riunite.it, www.albineacanali.it
Ufficio stampa:
CSArt – Comunicazione per l’Arte
Via Emilia Santo Stefano, 54
42121 Reggio Emilia
Tel. 0522 1715142
info@csart.it, www.csart.it

venerdì 4 ottobre 2019

Matilda a Fiorano il 13 ottobre

L'associazione Artistica INarte in collaborazione col Comune di Fiorano Modenese, il circolo culturale Nuraghe, l'associazione di fotografia Framestorming e Amici della Musica Nino Rota presentano 

Domenica 13 Ottobre alle 17 a Villa Cuoghi, via Gramsci 32, Fiorano Modenese 
"Il romanzo di Matilda" insieme all'autrice.


lunedì 23 settembre 2019


Voci di donne 
L'altro volto della Storia al Festival del Medioevo 

L'universo femminile protagonista della V edizione della manifestazione Sante e regine, streghe e madonne, artiste e scrittrici, muse e sultane E il Medioevo contemporaneo tra le eroine delle saghe televisive, stereotipi e fake news.

 Sarà una lezione di Maria Giuseppina Muzzarelli, ordinaria di Storia Medievale dell’Università di Bologna, ad inaugurare la quinta edizione del Festival del Medioevo, in programma a Gubbio dal 25 al 29 settembre. Il tema del 2019 è “Donne. L'altro volto della Storia”: un percorso intorno alla condizione femminile, alla radice dei pregiudizi e degli stereotipi. Le voci delle donne e le loro storie. Spesso inascoltate. A volte dimenticate. Eppure forti, chiare e resistenti. Capaci di riemergere, anche a distanza di secoli. Un lungo racconto tra l’arte e la letteratura, la politica e la filosofia. Protagonisti dell'evento saranno più di cento storici, saggisti, scrittori, scienziati, architetti e giornalisti, impegnati in una vera e propria sfida di divulgazione: raccontare storie piccole e grandi dal punto di vista delle donne. Nella vita quotidiana, nei palazzi del potere, all'interno dei conventi e perfino sui campi di battaglia: sante e regine, streghe e madonne, artiste, seduttrici, imprenditrici, guaritrici, scrittrici, miniaturiste, muse e medichesse. Donne che scrivono e che governano, capaci di esplorare nuovi mondi o di evocarli. Un viaggio affascinante, con molte sorprese. Riassunte in modo esemplare nella straordinaria figura di Christine de Pizan, la prima intellettuale di professione, vissuta fra fine Trecento e gli inizi del Quattrocento. Veneziana di nascita e francese di formazione. Ma italiana, figlia di un medico e astrologo emigrato alla corte del re di Francia, originario di Pizzano, un paesino dell'appennino emiliano. Nel suo libro più famoso, “La città delle dame”, Christine si batteva, in anticipo di secoli, per l'emancipazione femminile. Spiegava ai potenti del suo tempo che se a una ragazza fosse stata concessa la possibilità di studiare, quella fanciulla avrebbe ottenuto gli stessi risultati degli uomini. Anzi, forse li avrebbe superati. In altri scritti, ripeteva che bisogna rimuovere le “pietre nere” del pregiudizio gettate sul cammino delle donne: stereotipi e conflitti con i quali le società del mondo contemporaneo fanno ancora i conti, come testimoniano le cronache di tutti i giorni. Donne celebri, capaci di influenzare la politica e la società del loro tempo, come Ildegarda di Bingen, Matilde di Canossa, Teodolinda, Irene di Bisanzio, Sichelgaita, Costanza d'Altavilla, Melisenda, Eleonora d'Aquitania, Giovanna d'Arco, Eleonora d'Arborea, Chiara d'Assisi, Santa Caterina da Siena, Margherita Datini, Battista Sforza e Lucrezia Borgia. E altre figure femminili, tra storia e leggenda, diventate nei secoli delle vere e proprie icone della letteratura e dell'arte, da Beatrice a Francesca da Rimini, da Eloisa a Tristana, da Laura a Ginevra. La leggendaria papessa Giovanna. Trotula, prima donna medico. Le regine e sultane dell'Islam. Le Shieldmaidens, implacabili guerriere delle saghe norrene. Le donne di Tolkien ne Il signore degli Anelli. E le languide muse dei Preraffaelliti, interpreti nostalgiche, nella pittura e anche nella vita privata, di un Medioevo rimpianto, sognato, trasformato e a volte stravolto. Come nelle vicende di altre eroine, evocate sul grande schermo, nei fumetti e in rutilanti e seguitissime serie televisive, come Viking o Il trono di Spade: da Lagertha a Uta di Ballenstedt, da Ladyhawke a Daenerys Targaryen, fino alla terribile Cersei Lannister e all'audace e impulsiva Arya Stark. Un universo femminile raccontato nei dettagli dal sesso alle fake news e agli stereotipi sullo ius primae noctis e la cintura di castità, fino alle vicende meno note di donne in clausura, regine decapitate, spose bambine, prostitute in cerca di un riscatto sociale e transgender vissute nel Trecento.

SEI FOCUS Il ricco programma del Festival propone sei approfondimenti tematici: La scrittura delle donne (giovedì 26 settembre); Tolkien session (venerdì 27 settembre); Bambin Gesù delle mani: il Pintoricchio ritrovato (venerdì 27 settembre); Il Medioevo fra noi (sabato 28 settembre) incontro sulla figura femminile nell'immaginario medievalista contemporaneo, La scuola dei rievocatori (sabato 28 settembre), appuntamento dedicato alle migliaia di rievocatori impegnati in ogni regione d'Italia nel far rivivere la storia e le tradizioni del loro territorio e Matilde, una donna del Mille (domenica 29 settembre).

LEZIONI STORIA DELL'ARTE Tra le lezioni d'arte, i focus su La Madonna del Parto di Piero della Francesca (mercoledì 25 settembre), Le donne sconosciute dell'Arazzo di Bayeux (giovedì 26 settembre) e il Pintoricchio e le Stanze Vaticane (venerdì 27 settembre).

MOSTRA Nel tardo pomeriggio di venerdì 27 settembre, nel Palazzo dei Consoli, sulla spettacolare Piazza Grande, verrà inaugurata l'esposizione di una straordinaria ed enigmatica opera del Pintoricchio, rimasta ignota per quasi cinquecento anni: il “Bambin Gesù delle Mani”. Prezioso frammento di un affresco scomparso, concepito tra il 1492 e il 1494 per volere di Rodrigo Borgia, salito al soglio di Pietro con il nome di Alessandro VI, l’opera racconta i segreti delle Stanze vaticane e la storia di Giulia Farnese, la bellissima “sposa del papa”.

SPETTACOLI Il Festival propone Lectura dantis. Voci di donne dall'Inferno a cura dell'attore e regista Franco Ricordi (mercoledì 25 settembre, Teatro Luca Ronconi), il concerto Ondas do mar, le cantigas de amigo e l’amore verso la donna nel Medioevo dell'Ensemble Micrologus (Palazzo Ducale, giovedì 26 settembre) e un concerto di Patrizia Bovi con voce, arpa e percussioni: Voci di donne, storie di sante, visionarie, mistiche (sabato 28 settembre, Refettorio Biblioteca Sperelliana).

FIERA DEL LIBRO MEDIEVALE Una occasione unica per trovare tutto quello che c'è da leggere sul Medioevo, dai saggi ai romanzi storici, fino ai fumetti e ai libri per bambini.

MINIATORI DAL MONDO L'antica arte della miniatura rivive nella patria di Oderisi da Gubbio miniaturisti e calligrafi italiani e stranieri trasmettono l'arte degli scriptoria medievali ai tanti appassionati e agli studenti degli istituti artistici.

 IL MEDIOEVO DEI BAMBINI Ripetuto in diverse giornate, prevede giochi, letture, animazioni, laboratori d'arte e corsi di disegno riservati ai più piccoli. La manifestazione offre anche recital di poesia, laboratori di danza e visite guidate alla scoperta dell'Umbria medievale, insieme a eventi particolari dedicati all’artigianato come La piazza dei mercanti e gli Antichi mestieri.

PARTNERS E PATROCINI Il Festival del Medioevo gode dei patrocini scientifici della Treccani, del Ministero dei Beni Culturali, dell'Istituto Storico Italiano per il Medio Evo (Isime), della Società Italiana Storici Medievisti (Sismed), della Società degli Archeologi Medievisti Italiani (Sami), del Centro Studi Longobardi, del Pontificio Consiglio della Cultura in Vaticano e della Fondazione Giancarlo Pallavicini. Altri patrocini istituzionali sono assicurati dalla Regione Umbria e dalla Regione Lombardia. Partners per il settore didattico sono la Fondazione Giuseppe Mazzatinti e l'Università Lumsa.

 La RAI, con RAI Cultura e i canali RAI Storia e RAI Radio3 è il principale media partner della manifestazione, insieme alle riviste di divulgazione storica MedioEvo e Archeo. Collaborano in modo stabile con il Festival del Medioevo anche Italia Medievale, portale web impegnato da molti anni nella promozione del patrimonio storico e artistico del Medioevo italiano, MediaEvi, pagina Facebook specializzata nell’analisi dei cosiddetti medievalismi, Feudalesimo e Libertà, fenomeno social di goliardia e satira politica, il sito e la casa editrice Enciclopedia delle donne, un'opera collettiva sul web che raccoglie le biografie di donne di ogni tempo e paese e Radio Francigena, la voce dei cammini. Sostengono la manifestazione il Comune di Gubbio, la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, il Gruppo Azione Locale Alta Umbria (GAL) e la Camera di Commercio di Perugia. Tra gli sponsor principali Colacem, Fondazione Pallavicini, Banco Desio, Visit-Emilia, Città di Lucca, Metalprogetti, Fondazione Mazzatinti, Tecla, New Font e la Università dei Muratori di Gubbio. Il sito della manifestazione e la relativa pagina Facebook @FestivalDelMedioevo (più di 50mila followers) sono gli indirizzi online dedicati alla divulgazione storica del Medioevo più visitati in Italia (www.festivaldelmedioevo.it).

giovedì 15 agosto 2019

Novità e spunti di ricerca sulle famiglie canossane e reggiane


Venerdì 16 agosto alle ore 21, per il ciclo “Storia sotto le stelle

Novità e spunti di ricerca sulle famiglie canossane e reggiane
Incontro con
GIANLUCA BOTTAZZI
ANDREA CONTI

Il 16 agosto prossimo alle ore 21 al castello di Rossena continua il tradizionale ciclo di serate “Storia sotto le stelle”, organizzato dall’Associazione culturale Matilde di Canossa in collaborazione con la Società Reggiana di Studi Storici.
Nel magnifico scenario della rocca di Rossena ogni venerdì sera si possono scoprire luoghi, eventi e personaggi del nostro territorio. Al termine piccolo buffet sotto le stelle.

GIANLUCA BOTTAZZI dialogherà con ANDREA CONTI, autore di un poderoso lavoro di ricerca che ricostruisce la rete delle parentele tra le famiglie medievali in un territorio che si estende da Piacenza a Bologna ed è collegato alla famiglia di Matilde di Canossa. Una rete complessa ed affascinante che si fonda sullo studio dei passaggi patrimoniali, sulla continuità dei nomi familiari e su molti altri aspetti che hanno permesso all’autore di disegnare un nuovo quadro di relazioni tra le più importanti famiglie del medioevo italiano.

Il professor GIANLUCA BOTTAZZI è archeologo e storico e si è occupato in particolare dell'Appennino settentrionale e della pianura emiliano-romagnola. Ha insegnato tra il 2000 e il 2012 “Storia degli insediamenti tardoantichi e medievali” presso l’Università degli Studi di Parma (Conservazione Beni Culturali) ed è stato relatore di decine di tesi di vecchio e nuovo ordinamento.
Dottore di ricerca in topografia dal 1991, allievo e collaboratore di Nereo Alfieri e Vito Fumagalli, dal 1978 ad oggi ha pubblicato numerosi contributi scientifici a stampa, alcuni dei quali relativi al territorio reggiano e al medioevo emiliano. Nel 2014 ha ottenuto l'abilitazione nazionale a Professore Associato in Archeologia.

Andrea Conti è Socio Corrispondente della Deputazione di Storia Patria per le Province Parmensi, Socio Aggregato della Deputazione per le Antiche Provincie Modenesi, Membro ordinario della Società Svizzera di Araldica (la più antica ed autorevole istituzione che si occupa di araldica, fondata nel 1891, che conta 365 membri di diverse nazionalità), Collaboratore dell’Associazione Culturale Obertenga con sede in Roma (associazione tra le famiglie discendenti dagli Obertenghi, tra le quali Este, Malaspina, Pallavicini e Pallavicino).
Dal 1996 è relatore a diversi incontri, convegni e giornate di studio di livello nazionale, tra Roma, Liguria, Emilia e Lombardia. Dal 1997 è autore di diverse pubblicazioni inerenti studi generalmente riferiti al contesto storico-ambientale e culturale delle valli di Taro e Ceno, ma soprattutto alla storia ed alla genealogia delle famiglie dell’aristocrazia medievale attive in ambito mediopadano, oltre a ricerche di carattere storico-araldico relative al territorio degli antichi Stati Parmensi e all’area tra Lombardia e Svizzera ed alle famiglie ivi presenti.
I suoi lavori sono stati recensiti su importanti riviste nazionali, come la storica e prestigiosa Rivista Araldica del Collegio Araldico Romano, e internazionali come i Cuadernos de Ayala rivista della Federazione Spagnola di Genealogia e Araldica e Scienze Storiche.


SABATO: ore 15 – 19
DOMENICA E FESTIVI: 10-13.30 / 15-19
Tutti i giorni su prenotazione con almeno 24 ore di preavviso.

Orari di apertura del Castello di Canossa
DA MARTEDÍ A DOMENICA 10-19



Per info:
( 0522 878974
( 366 8969303